UN BAMBINO... PER FARE PACE CON DIO - Natale

La voce dei profeti, la testimonianza di Giovanni Battista, il sogno di Giuseppe, il coraggio di Maria, la semplicità dei pastori e con loro di tutti i poveri, sono stati loro la scia luminosa, la vera stella cometa, che ha tracciato la strada e ci ha condotto fino a qui: ad adorare la misericordia fatta carne! Nei personaggi del presepe contempliamo l’umanità assetata di pace, l’umanità in cerca di pienezza, l’umanità che lotta... questi personaggi erano tutti nel bel mezzo di una crisi: esistenziale, di fede, politica... ma non si sono lasciati schiacciare, non si sono fermati dinanzi al nulla che avevano davanti perché hanno creduto nel TUTTO DI DIO.

Oggi è giorno di festa e di vittoria, la Parola ci invitava all’esultanza: “Prorompete insieme in canti di gioia”, “rovine di Gerusalemme”: tutti i rovinati e disgraziati della Terra sono chiamati a trovare grazia, riposo e speranza davanti al Dio bambino...perché il tempo dell’Avvento, il tempo dell’attesa (quel tempo nel quale sembra che nulla accadesse e che nulla potesse cambiare!) è stato fecondo e il Signore ha “snudato il suo braccio santo”, ha aperto il suo cuore misericordioso, ci ha fatto un grande regalo: ci ha donato il Natale di Gesù... La presenza di Dio tra le rovine della storia umana! E se vorranno “i confini della terra vedranno la salvezza del nostro Dio”. Salvezza che noi oggi vediamo attraverso la possibilità della comunione fraterna, la comunità, l’Eucaristia, i sacramenti, la Parola di Dio... che hanno il potere di trasformare i nostri occhi in “Occhi Natalizi”, cioè gli occhi stupiti e pieni di gratitudine di Maria e Giuseppe, perché l’Altissimo si è fatto piccolissimo... Gli occhi dei pastori che lo contemplano Principe della Pace. Il Natale ci fa pensare alla pace, ci fa pregare per la pace, ci fa chiedere la pace: pace per i perseguitati, pace per poter esprimere e vivere la propria fede religiosa, pace per i senza tetto e senza lavoro, pace per gli ammalati, pace per quei genitori che hanno perso un figlio e quei figli che hanno perso un genitore... Ma forse fratelli può essere davvero Natale se questo diventa il tempo nel quale noi per primi ci decidiamo di FARE PACE CON DIO! Il momento in cui la smettiamo di attribuire a lui delle colpe che non sono sue. Il momento in cui smetterla di farlo diventare il capro espiatorio delle cose che non vanno, della cattiveria nel mondo, dei nostri fallimenti... L’apostolo Paolo dirà: “Vi supplichiamo in nome di Cristo: lasciatevi riconciliare con Dio” (2 Cor 5). Vi supplichiamo: FATE PACE CON DIO! Solo Lui può portare la vera pace! E la Seconda Lettura diceva: “A quanti lo hanno accolto Dio ha dato un potere”... il Natale del Signore afferma silenziosamente che il futuro è ricco di grazia e di potere. Molte volte, crescendo, questo bambino nel Vangelo ci parlerà di un potere, di una regalità... ma il versetto proseguiva... potere “di diventare figli”, “figli di Dio”... Si tratta di un potere ben diverso da quello di Erode, non quello della propria forza. Nella vita per la sorte favorevole o per capacità personali potremmo accumulare tanti poteri e tante cariche, titoli, ma sono cose difficilissime da gestire che spesso anziché ricaricarti potranno scaricare, togliere le forze e anche finire, lasciando confusione e vuoto. Questa pagina ci dice che c’è una matrice di un potere diverso: la figliolanza in Dio! Matrice di vera pace.

Oggi non è solo la festa di Gesù, ma anche quella della paternità di Dio, che in Gesù ci adotta come figli!

E dinanzi a tutto questo che avranno fatto Maria e Giuseppe, dinanzi a questo Dio bambino atteso dalle genti? Lo avranno guardato... e Lui? Li avrà guardati! Forse se l'aspettavano diverso, ma poi come ogni genitore l’avranno accolto così com’era carico di tutto il suo mistero, carichi di speranze e aspettative... semplicemente perché è giusto così! È giusto almeno una volta l’anno dare ragione a Dio e fare pace con lui che sa fare bene le cose, è giusto arrendersi davanti ad un bambino e lasciare che sia lui stesso a farsi conoscere giorno dopo giorno! Possa oggi iniziare una relazione nuova con il principe della Pace. Buon Natale a tutti!


#Natale #bambino #pace #profeti #Giovanni #Giuseppe #Maria #pastori #stella #luce #strada #misericordia #carne #pienezza #crisi #festa #vittoria #grazia #riposo #speranza #Avvento #attesa #salvezza #comunione #comunità #eucaristia #sacramenti #parola #occhi #Paolo #potere #padre #relazione

12 visualizzazioni

PARROCCHIA MADONNA DI CAMPAGNA

        Via Cardinal G. Massaia 98 - 10147 Torino

        011.252069 

        parr.madonna.campagna@diocesi.torino.it

UFFICIO PARROCCHIALE (chiuso se prefestivo)

LUN    chiuso

MAR    9.30-12   17-19

MER-GIO-VEN-SAB    17-19

DOM    chiuso

S. MESSE

FERIALI    7.30   18

PREFESTIVI   18

FESTIVI    8   10   11.30   18

Contattaci

AIUTACI AD AIUTARE!!!

IBAN: IT16O 02008 01119 00000 1327288

© 2020 by Madonna di Campagna

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now